Get Adobe Flash player
aprile 2017
lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato domenica
Per la tua pubblicità segreteria@aspronadi.it

Segreteria

nautica-accordo-di-convenzione-aspronadi-ucina_4663

Nel corso dell’Assemblea Annuale UCINA tenutasi a Roma presso la prestigiosa Sala Zuccari del Senato è stato siglato un accordo di convenzione tra ASPRONADI ed UCINA Confindustria Nautica, reso possibile grazie alla convergenza e lungimiranza di vedute del Presidente di UCINA Carla De Maria ed del Presidente di ASPRONADI Giovanni Ceccarelli e arriva in un momento in cui per il bene della nautica da diporto è quanto mai necessario fare sistema tra le associazioni di categoria e coinvolgere la politica in un processo di rinnovamento dell’immagine della barca e del suo uso.Fondamento dell’intesa raggiunta infatti è che la nautica da diporto in Italia sia un bene del Paese e che il Made in Italy sia oggi un valore legato non solo ai brand dei cantieri italiani, ma anche dei progettisti, il cui apporto deve essere tutelato e reso più evidente al pubblico. I termini dell’accordo, pensato su una base paritaria, consentiranno dunque ad UCINA ed ASPRONADI di sviluppare importanti sinergie e promuovere ulteriormente la nautica da diporto italiana.Carla Demaria, Presidente di UCINA Confindustria Nautica ha espresso soddisfazione per l’accordo di collaborazione raggiunto: “UCINA ha la missione di tutelare e promuovere tutte le attività legate alla nautica. Il design e la progettazione hanno un ruolo fondamentale per affermare una nuova cultura del mare e ASPRONADI è un partner ideale”.Il Presidente ASPRONADI Giovanni Ceccarelli ha commentato questo importante risultato evidenziando come: “questo riconoscimento reciproco tra il mondo della progettazione e produzione per lo sviluppo del made in Italy nel mondo è un momento importante della nostra vita associativa. Metteremo in cantiere diverse iniziative e la prima è l’organizzazione della seconda edizione del Trofeo Diporthesis, una gara per tesi di Laurea ideata da ASPRONADI. Questa manifestazione e poi la sinergia instaurata anche con i cantieri potranno essere uno stimolo e riferimento per i giovani italiani e stranieri che si avvicinano alla professione di progettista in ambito diporto”.

Di seguito alcuni punti importanti dell’accordo siglato tra UCINA ed ASPRONADI:
  • ASPRONADI riconosce in UCINA Confindustria Nautica l’associazione di categoria per la rappresentanza della filiera della nautica italiana.
  • ASPRONADI si riconosce nei valori etici e fondativi di UCINA e nel principio della rappresentanza delle singole imprese al di là del peso dei fatturati.
  • UCINA riconosce in ASPRONADI il suo riferimento per il settore della progettazione e consulenza in ambito della nautica da diporto.
  • UCINA promuoverà ASPRONADI fra i propri associati, in particolare i cantieri al fine di far aderire a quest’ultima i progettisti e consulenti che già operano all’interno dei cantieri.
  • UCINA si impegnerà fin dal 2016 a promuovere il premio Diporthesis, la cui seconda edizione si svolgerà con premiazione e mostra nell’ambito del Salone Internazionale della Nautica a Genova 2016 che sarà organizzata assieme ad ASPRONADI.
  Si autorizza la pubblicazione

Si è svolto nel pomeriggio del 26 Novembre 2015 presso la Facoltà di Bologna un preziosisimmo incontro con gli studenti del dipartimento di Ingegneria Idraulica che hanno mostrato alcuni importantissimi lavori riguardo alle seguenti tematiche:

  • M. Gabriella Gaeta – Modellazione numenrica di porti nelle aree costiere.
  • Alessandro Antonini – Applicazione della CFD a servixzio della progettazioe marittima.
  • Renata Archetti – Ricircolo delle acque nelle marine: controllo e mitigazione.
  • Achilleas Samaras – Tsunami & Oil Spill modelling.

IMG_20151126_142907

Un ringrazimento particolare va al Prof. Ing. Alberto Lamberti che ha provveduto ad organizzare questo preziosissimo contributo che ha saputo condire con entusiasmo e simpatia. A seguire abbiamo avuto il contributo di alcuni professionisti della  ASPRONADI che hanno portato la loro testimonianza ai ragazzi della facoltà di ingegneria di Bologna. Le tematicherappresentate hanno raccontato l’associazione:

  • Giovanni Ceccarelli ASPRONADI – chi siamo, storia, scopi di  Aspronadi
  • Franco Gnessi – ASPRONADI la progettazione dei porti turistici
  • Andrea Vallicelli – ASPRONADI e la progettazione  di unità da diporto a vela
  • Sergio Abrami – ASPRONADI e la progettazione di unità da diporto a  motore
  • Alessio Liuni – ASPRONADI e l’interior desig
  • Giovanni Grasso – Il design strutturale e la prototipizzazione
  • Francesco Prinzivalli – ASPRONADI e le normative presentazione di ENAVE
  • Alessio Liuni – ASPRONADI e l’ interior design

IMG_20151126_161446

Al termine del forum si è svolta l’Assemblea generale che ha dato il via la nuovo bienno di lavoro 2015 2017

 ASPRONADI_2015(1) 12310448_1649948035245375_7737755861365330645_n

Incontro con i personaggi che hanno lustro alla Marineria Ravennate dal 1993 ad oggi.

 

Brindisi 20 Marzo 2015

In occasione della conferenza incontro sull’economia del mare in rapporto alle imprese Pugliesi,con Assonautica Italiana, Aspronadi ha siglato recentemente un importante protocollo di intesa per attuare comuni progetti in tema di qualificazione, valorizzazione, sviluppo e promozione della nautica da diporto, del turismo nautico e in massima parte dell’Economia del Mare, ma anche per attuare una innovativa strategia condivisa di informazione, innovazione internazionalizzazione, di sviluppo – tra gli altri –  dei progetti “Quality Marine”, “la Cambusa di Assonautica®”, le Rotte della Magna Grecia, Appuntamento in Adriatico, Le rotte di Enea, le rotte della Sardegna e del Nord Tirreno, le Rotte del Mediterraneo,  etc.

 Assonautica e Aspronadi individuano nell’attenzione alle attività economiche e produttive che riguardano il mare uno dei punti più qualificanti del loro programma: intendiamo – insieme –  avviare un percorso che tenga conto delle potenzialità di sviluppo della nautica e delle attività connesse e che persegua un disegno programmatico basato su una visione unitaria dei problemi, delle prospettive, delle diverse esperienze. Intendiamo valutare i vari elementi del sistema che ruotano intorno al mare e individuare di conseguenza le strategie di intervento e di sviluppo in termini generali e compatibili rispetto alle questioni ambientali, produttive, culturali e sociali. La nautica da diporto e il turismo nautico poggiano su una filiera trasversale che investe il ventaglio di tutto il comparto dell’economia, dall’industria all’artigianato, dall’agroalimentare fino al terziario.

 

Ecco perché Assonautica e AS.PRO.NA.DI. riconoscono nell’Economia del Mare il principale volano di sviluppo per la Nautica da diporto, il  turismo nautico e per la portualità turistica italiana e del Mediterraneo;  non solo , riconosciamo pure la grande importanza della internazionalizzazione e la necessità di incrementare le iniziative di relazione tra i porti italiani e del Mediterraneo,    

 

In quest’ottica, è estremamete importante quindi l’azione di Assonautica italiana nel rilancio e nel sostegno di  Assonautica EuroMediterranea nella sua azione di collegamento dei porti del Mediterraneo, di promozione della cucina mediterranea e il naturale sviluppo del progetto Cambusa®,  Assonautica – in tema di internazionalizzazione della “sea economy” – ha  intrapreso il percorso sia dell’attività di scouting sia della proposizione di incontri “btob” e “one to one”. Esempi di successo si sono rivelati la missione economica a Melbourne e di scouting in Australia Victoria, gli incontri btob e one to one Italia – Australia al Mets di Amsterdam; le missioni economiche e gli incontri btob in Albania (cui, con orgoglio,  abbiamo partecipato  in gennaio), i prossimi incontri a Valencia, in aprile  la prossima missione in Brasile a Florianopolis Stato di santa Catarina in Giugno. Naturalmente Assonautica è già disponibile per sviluppare nuovi rapporti d’intesa con i players della Croazia e delle altri Paesi transfrontalieri.

 

Un altro progetto che ritieniamo estremamente interessante è quello che Assonautica sta portando avanti è quello della “Qualificazione e Certificazione dei porti turistici in Italia” denominato QUALITY MARINE®.  Il progetto, nella sua prima fase, sponsorizzato da Unioncamere e da un gruppo di Camere di Commercio costiere, mira a certificare i migliori porti italiani, su suggerimento delle stesse Camere di commercio competenti per area. Assonautica si avvale dell’apporto tecnico scientifico di Dintec, Consorzio per l’Innovazione Tecnologica, società consortile del Sistema Camerale e del RINA.

 

AS.PRO.NA.DI. (associazione progettisti nautica da diporto) svolge attività di formazione, studio e ricerca nel campo ella Progettazione Navale da diporto. L’associazione  – tra le altre cose – è impegnata principalmente a promuovere nell’ambito della nautica da diporto, l’arte la scienza e la pratica navali, promuovere o partecipare a convegni, cooperare con le università e gli altri istituti di studio nei corsi di progettazione navali, indire concorsi di progettazione, Mi piace ricordare che AS.PRO.NA.DI. ha istituito il “primo corso italiano di progettazione navale” per il diporto per corrispondenza, occupandosi della stesura dei testi di studio, redatti dagli stessi soci e della correzione delle esercitazioni degli allievi.

Con FIMAR, la nautica Made in Italy incontra il Brasile

INVITO-CONFERENZA STAMPA Si svolgerà giovedì prossimo 27 novembre (ore 11.00) a Roma, presso la sede di Unioncamere (Piazza Sallustio, 21), la conferenza stampa di presentazione di FIMAR, la prima Fiera Internazionale di Tecnologia Subfornitura e Design del Mare dell’Italia in Brasile – www.fimaritaliabrasil.com.br Si tratta della prima fiera specificatamente italiana in Brasile dedicata a materiali e accessori per la nautica, che, a partire dal prossimo anno, verrà realizzata a Florianópolis, capitale dello Stato di Santa Catarina. La manifestazione è frutto degli accordi bilaterali tra il Ministero dello Sviluppo Economico Italiano, UCINA ed il Governo di Santa Catarina, promossi e sostenuti dalla Associazione Brazil Planet. Pensata per le aziende che si occupano di fornitura per la nautica, si presenta dunque come un appuntamento imperdibile. Lo Stato brasiliano offre infatti grandi prospettive per lo sviluppo nautico: ospita il secondo polo nautico del Brasile, ed è al primo posto come destinazione turistica del Paese. ·        Interverranno alla conferenza stampa: Ferruccio Dardanello, Presidente di Unioncamere; ·        Giuseppe Tripoli, DG del Ministero dello Sviluppo Economico; ·        Riccardo Monti, Presidente dell’Agenzia ICE; ·        Alfredo Malcarne, Presidente di Assonautica Italiana.

Il riconoscimento assegnato a Fabio Buzzi

Roma 26 febbraio 2014

AS.PRO.NA.DI.
Ravenna, 15/02/2014
 
nel salutarti ti comunico che il 20 gennaio 2014 si è tenuto il primo consiglio direttivo dei componenti eletti il 27 novembre 2013, per il biennio 2014/2015, nella prestigiosa sede della facoltà di ingegneria dell’ Università di Bologna dove si sono tenute le elezioni dei dirigenti della nostra associazione che proprio in questo periodo compie i suoi primi 40 anni e si sono stabilite le nuove cariche per il biennio 2014/15:
  • Presidente Giovanni Ceccarelli
  • Vice Presidente Giovanni Grasso,
  • Segretario generale Franco Gnessi,
  • Vice segretario generale Francesco Baratta
  • Tesoriere Pier Paolo De Cesari
  • Consiglieri: Marco Cobau, Benedetto Inzerillo, Francesco Prinzivalli, Davide Tagliapietra
  • Sindaci: Aldo Gatti, Andrea Petragnani , Marco Baldan
  • Probiviri: Sergio Abrami, Roberto Nicolucci, Andrea Vallicelli. Inoltre sono state nominate le seguenti commissioni con i relativi referenti:
  • Rapporto con i media-­‐ comunicazione coordinatore e responsabile: Francesco Baratta
  • Corso per corrispondenza coordinatori: Davide Tagliapietra – Marco Baldan
  • Rapporti con Ministero IT: coordinatore Marco Cobau
  • Sito web: gestore Franco Gnessi
  • Pubblicità sul sito web: coordinatore Franco Gnessi
  • Rapporti con istruzione universitaria: coordinatore Giovanni Grasso
  • Commissione nuovi soci: coordinatore Sergio Abrami
  • Rapporti con FIV – UIM – Athena : Giovanni Ceccarelli A tutti va il mio augurio di buon lavoro. Sono stati nominati quali soci onorari i soci: o GiorgioBarilani Comunicazione 01_2014 ASPRONADI.doc
Pagina 1 di 2
o SergioAbrami o EnricoContreas o AldoGatti per gli alti meriti nel mondo della nautica e il grande apporto che hanno dato negli anni all’ As.pro.na.di.
  • -­‐  Tra le attività svolte si è tenuto con grande partecipazione il 27 novembre 2013 il convegno dal titolo “IL DESIGN E LO STILE ITALIANO UN VALORE OLTRE LA CRISI, INCONTRO CON I PROTAGONISTI ” con moderatore Antonio Vettese (che è stato per 20 anni il direttore di Vela e Motore) e partecipazione di esponenti della progettazione e del mondo accademico che in un interessate dibattito hanno evidenziato la figura del progettista nautico e del design.Sono intervenuti il prof. ing Gianni Caligiana direttore DIN, il prof. Flaviano Celaschi coordinatore del corso di laurea in design del prodotto industriale, il prof. Ing. Alfredo Liverani (Università di Bologna), il prof. Ing. Giovanni Maria Grasso (Università di Catania), l’ing. Giovanni Ceccarelli, l’ arch. Franco Gnessi, l’ing. Davide Tagliapietra, l’arch. Umberto Felci, l’arch. Tommaso Spadolini,e il prof. arch. Andrea Vallicelli.
  • -­‐  il 15 Febbraio siamo stati presenti alla tavola rotonda che si è tenuta al BIG BLUE ” La riqualificazione della cantieristica minore con impiego di materiali non inquinanti” a nome mio personale e della presidenza della LNI dove è intervenuto Marco Cobau in rappresentanza dell’ ASPRONADI maggiori dettagli verranno pubblicati sul sito web. Il responsabile della comunicazione, Francesco Baratta vi invita a far pervenire a lui medesimo e alla segreteria eventuali articoli su temi tecnici che una volta esaminati provvederemo a far pubblicare sulla rivista Nautech che come sapete è il nostro organo ufficiale di comunicazione. Il segretario generale vi ricorda di verificare sempre il sito (dallo stesso egregiamente sempre aggiornato) per essere al corrente di tutte le nostre iniziative e comunicazioni , altresì esiste una pagina ASPRONADI su Facebook. Per qualsiasi vostra comunicazione vi prego di contattare il segretario generale Franco Gnessi, o il vicesegretario generale Francesco Baratta. Vi comunichiamo l’ingresso di un nuovo socio l’Ingegnere Navale Alessandro Suardi. Porgo un cordiale saluto, Giovanni Ceccarelli
Nonostante  la tempesta che ha investito il settore, l’ AS.PRO.NA.DI. – (Associazione Progettisti Nautica Diporto)  mantiene ferma la rotta. Infatti il 20 gennaio 2014 si è tenuto il primo consiglio direttivo dei componenti eletti il 27 novembre 2013, per il biennio 2014/2015, nella prestigiosa sede della facoltà di ingegneria dell’ Università di Bologna dove si sono tenute le elezioni dei dirigenti dell’ associazione che proprio in questo periodo compie i suoi primi 40 anni. l’Associazione ha lo scopo di promuovere la pratica della professione in Italia, favorendo lo scambio di informazione fra colleghi, incoraggiando la formazione, la ricerca e l’innovazione rappresentando la categoria di fronte a enti o istituzioni che operano in settori collegati. Costituita a Genova il 23 ottobre 1973, nel 1983 ha ottenuto il riconoscimento del Ministero della Marina Mercantile di concerto con il Ministero dei Trasporti, nel 2013 l’associazione ha riottenuto dal Ministero un documento dove si evidenzia l’importanza dell’associazione per il settore. Dal 1984 fa parte del “Comitato Tecnico Gruppo Esperti per la nautica da diporto in seno al Registro Italiano Navale e dall’ottobre 1986 è presenti nella Commissione Ministeriale per la revisione della Normativa sulla Nautica da diporto  in seno ad UNI. Tra gli iscritti vi sono molti professionisti del settore: progettisti, designer, consulenti, architetti e molti di loro sono delle importanti firme Italiane. Vi sono anche Professori di ruolo sia di corsi di Master in ambito nautico, che presso le le Facoltà di Ingegneria ed Architettura , delle maggiori Università Italiane. A presiederla è stato confermato nuovamente l’ ing. Giovanni Ceccarelli notissima figura del mondo navale nonché figlio del recentemente scomparso Epaminonda, socio fondatore dell’ associazione ed anche lui illustre past-presidente dell’ AS.PRO.NA.DI. Sostanzialmente confermato nel cd di gennaio 2014 il Consiglio direttivo che vede come vicepresidente il prof. Ing Giovanni Grasso, segretario generale l’ arch. Franco Gnessi, vicesegretario generale l’ arch. Francesco Baratta, tesoriere  PierPaolo De Cesari, responsabile della comunicazione l’arch. Francesco Baratta, consiglieri: Marco Cobau  ,Benedetto Inzerillo  , Francesco Prinzivalli, Davide Tagliapietra. Sono risultati eletti al collegio dei Sindaci:  Aldo Gatti, Andrea Petragnani , Marco Baldan mentre al collegio dei Probiviri: Sergio Abrami,  Roberto Nicolucci, Andrea Vallicelli. Nel corso dell’ assemblea su proposta del presidente Ceccarelli sono stati nominati quali soci onorari i soci Giorgio Barilani, Sergio Abrami, Enrico Contreas e Aldo Gatti per gli alti meriti nel mondo della nautica e il grande apporto che hanno dato negli anni all’ As.pro.na.di.   Successivamente alle elezioni si è tenuto il convegno dal titolo  ” IL DESIGN E LO STILE ITALIANO  UN VALORE OLTRE LA CRISI,  INCONTRO CON I PROTAGONISTI ”  con moderatore Antonio  Vettese  (che è stato per 20 anni il direttore di Vela e Motore) e partecipazione di  esponenti  della progettazione  e  del mondo accademico che in un interessate dibattito hanno evidenziato la figura del progettista nautico e del design. Sono intervenuti il prof. ing Gianni Caligiana direttore DIN, il prof. Flaviano Celaschi coordinatore del corso di laurea in design del prodotto industriale, il prof. Ing. Alfredo Liverani (Università di Bologna), il prof. Ing. Giovanni Maria Grasso (Università di Catania), l’ ing. Giovanni Ceccarelli, l’ arch. Franco Gnessi, l’ ing. Davide Tagliapietra, l’ arch. Umberto Felci, l’ arch. Tommaso Spadolini,e il prof. arch. Andrea Vallicelli.
Pronto il modello per chiedere il rimborso della tassa di possesso pagata nel 2013 in seguito alla rimodulazione degli importi prevista dal Decreto Legge 69/2013. Possono chiedere il rimborso i contribuenti che hanno già versato la tassa e che hanno diritto all’esenzione dal pagamento o alla riduzione al 50% degli importi dovuti. In base al Decreto Legge 69/2013, sono infatti escluse dalla tassazione le unità da diporto di lunghezza compresa tra i 10,01 e i 14 metri, mentre per le imbarcazioni tra i 14,01 e i 20 metri l’imposta è stata ridotta del 50%. Il rimborso può inoltre essere richiesto anche da coloro che per motivi differenti hanno effettuato versamenti in eccesso, ad esempio, per errore di calcolo o per mancata applicazione delle riduzioni per le imbarcazioni più datate. Il modello e le istruzioni operative sono state approvate qualche giorno fa con provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate. La domanda può essere presentata esclusivamente in via telematica, a partire dal prossimo 18 novembre, dai contribuenti abilitati a Entratel o a Fisconline utilizzando il software “RimborsoTassaUnitàdaDiporto” che sarà presto reso disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate. Nel modulo di richiesta, disponibile in formato elettronico anche sul sito del Ministero dell’Economia, dovranno essere indicati i dati anagrafici, il codice fiscale del soggetto richiedente, i dati relativi all’imbarcazione e gli estremi del versamento di cui si chiede la restituzione. Per accelerare le procedure di liquidazione è possibile allegare alla domanda di rimborso la copia della licenza di navigazione in formato PDF. La somma in eccesso versata verrà restituita ai contribuenti attraverso bonifico bancario o postale. Fonte: Il Sole 24 Ore del 29 ottobre 2013.